• Home
  • POTETO SARADA – ポテトサラダ
POTETO SARADA – ポテトサラダ

Condividi sui social:

O copia e condividi questo indirizzo

Ingredienti

Modifica le porzioni:
Patate a pasta gialla 1.5 kg
Maionese Kewpie 250 ml circa (regolabili a piacere) In alternativa si può usare una maionese light o allo yogurt
Cetriolo 1 meglio se cetriolo cinese
Cipolla dorata 1/2
Carote 3
Mirin 1 cucchiaio regolare in base al gusto personale
Aceto di riso 1 cucchiaio in alternativa non più di 1/2 cucchiaio di aceto bianco
Zucchero 2 cucchiaini circa regolare a piacimento
Sale qb
Pepe qb

Aggiungi a Le mie Liste

Devi fare login o registrarti per aggiungere questo elemento alle liste.

POTETO SARADA – ポテトサラダ

Sfera:
  • Chef Italiano
Cucina:

    Una ricetta semplice, tipica della cucina casalinga nipponica..
    Per portare sulla vostra tavola, tutto il gusto dei piatti delle Obaasan giapponesi <3

    • 30/40 minuti
    • Porzioni 4
    • Impegnativa

    Ingredienti

    Istruzioni

    Condividi

    Passaggi

    1
    Completato

    Per prima cosa laviamo bene il cetriolo e tagliamolo a fettine sottilissime con tutta la buccia (le fettine devono essere praticamente trasparenti)
    In una ciotola lo uniamo alla cipolla tagliata a piccoli pezzetti.
    Condiamo con abbondante sale (non preoccupatevi andrà sciacquato) e copriamolo con un canovaccio per un paio d’ore; per una versione più veloce, schiacciamole con un peso, così da drenare i liquidi in un tempo inferiore (10 minuti dovrebbero essere sufficienti)

    2
    Completato

    Mentre il composto riposa, mettiamo a bollire le patate private della buccia, io per comodità le lesso nel microonde, coperte, dopo averle pelate, e forate più volte con i rebbi di una forchetta così da lasciar uscire il vapore, altrimenti scoppiano, ma il risultato è lo stesso.
    Una volta pronte, trasferiamole in una ciotola capiente e schiacciamole come se volessimo fare un purè, con una consistenza però meno cremosa e raffinata.

    3
    Completato

    Sbollentiamo le carote, tagliate in quarti, senza farle diventare troppo morbide, serviranno per dare un po’ di consistenza all’insalata, ed una volta raffreddate le uniamole alle patate, e al composto di cetriolo e cipolla, che andrà sciacquato, strizzato e asciugato con un canovaccio; questo è un passaggio importante perché se resteranno troppo umidi, l’insalata resterà troppo molliccia.

    4
    Completato

    A questo punto aggiungiamo la maionese al composto ottenuto e diamo una prima mescolata.

    In molte ricette, anche giapponesi, potrebbe considerarsi pronta già così, ma la mia versione è più tradizionale, è quella casalinga delle nonne giapponesi, le Obaasan :)
    Quindi nello stesso barattolo della maionese, così da raccoglierne i residui (o in una ciotolina se abbiamo la kewpie classica nel topdown), mischiamo il mirin, l’aceto di riso, un pizzico di sale di pepe, ed un paio di cucchiaini circa di zucchero.

    Le dosi dei condimenti sono, ovviamente, personali, in base al gusto, molti giapponesi per esempio aggiungono più zucchero, ma per un palato italiano potrebbe risultare troppo dolce, idem per mirin e aceto di riso, quindi queste diciamo sono dosi indicative, anche perché il gusto varia leggermente in funzione della maionese che usiamo.

    In linea di massima consiglio di non usare la nostra maionese perché molto più pesante ed acida della kewpie, per questo se non ho in casa questa, in genere la sostituisco con quella light o allo yogurt, che è più delicata e leggera.
    Nel caso abbiate solo la maionese tradizionale italiana, allora fate attenzione a dosare molto bene i condimenti, e non usate l’aceto di riso, ma ovviamente, come ogni cuoco che si rispetti, assaggiate, e condite a vostro piacimento; non esiste una ricetta perfetta, ogni Obaasan che si rispetti, ha la sua personale :)

    5
    Completato

    CONSIDERAZIONI FINALI

    o La potato sarada non si discosta molto dalla comune insalata di patate che mangiamo anche in occidente ma si caratterizza per la presenza di sapori più delicati e decisamente nipponici.

    6
    Completato

    È importantissimo ricordarsi di tagliare il cetriolo con tutta la buccia, cosa che noi italiani tendiamo a non fare, questo perché la consistenza più croccante è importante per dare la giusta texture al piatto; senza rimarrebbero troppo molli.

    7
    Completato

    Infine potete trovare un sacco di varianti di questa ricetta, ad esempio anche in Giappone molti uniscono al composto anche le uova sode, ma personalmente la trovo troppo pesante, ed avendola sempre gustata nella sua versione basic e tradizionale, la preferisco.
    Ho trovato anche una versione, sempre giapponese, con tonno, ma personalmente non lo trovo un abbinamento molto appetibile 
    Sicuramente le variazioni sul tema, come per molti piatti della nostra cucina, possono essere infinite, ma vi consiglio di partire da questa basic per assaporare tutto il gusto della cucina by Obaasan! :)

    Recensioni Ricetta

    Questa ricetta non è stata valutata, usa il modulo sotto per scrivere la tua recensione
    Udon Uovo Mentsuyu
    precedente
    Udon semplici con uovo e mentsuyu
    Ochadzuke
    successiva
    OCHAZUKE – お茶漬け
    Udon Uovo Mentsuyu
    precedente
    Udon semplici con uovo e mentsuyu
    Ochadzuke
    successiva
    OCHAZUKE – お茶漬け

    Commenta